Menu
Notaio Alice Pinna - Studio notarile roma

Cambio regime patrimoniale dei coniugi

State organizzando il vostro matrimonio a Roma? Oppure volete cambiare il regime patrimoniale stabilito in precedenza?

Lo studio notarile Alice Pinna vi saprà consigliare al meglio riguardo cosa scegliere a seconda del vostro caso specifico e delle condizioni pratiche ed economiche. Se avete intenzione di fare un cambio regime patrimoniale dei coniugi, allora il supporto del notaio vi sarà indispensabile.

Infatti, quando si decide di cambiare il regime patrimoniale dei coniugi, passando dalla comunione dei beni alla separazione dei beni, è necessario un atto notarile.

Chiariamo prima la differenza tra le possibili opzioni:

  1. la comunione dei beni o comunione legale è il regime che viene applicato d’ufficio in mancanza di diversa indicazione. Stabilisce che i beni acquistati nel corso del matrimonio sono comuni a entrambi i coniugi, beni che possono essere aziende, case etc.   Rimangono invece di proprietà di ciascuno dei due i beni che si possedevano prima del matrimonio, donazioni o successioni avvenute anche dopo l’unione, i beni di uso strettamente personale o quelli necessari allo svolgimento della professione...

 

  1. Con la separazione dei beni ciascuno dei due coniugi mantiene la proprietà esclusiva sui beni acquistati dopo il matrimonio: questa scelta non ha niente a che fare con la risoluzione del matrimonio.

 

  1. La comunione convenzionale che è una modifica della comunione legale (i coniugi, per esempio, possono restringerla ad alcune categorie di beni indicati dalla legge o allargarlo ad altre).

 

  1. il fondo patrimoniale attraverso il quale i coniugi decidono di destinare beni immobili, mobili registrati o titoli di credito al nucleo famigliare per soddisfare le necessità dello stesso. Il fondo appartiene in comune ai coniugi.

 

Come modificare la scelta del regime patrimoniale

 

La scelta del regime patrimoniale dei coniugi non va presa con leggerezza anche se è possibile modificarla in seguito. Si tratta di un’operazione semplice che però ha un costo. Vi invitiamo a contattare il notaio Alice Pinna per un colloquio nel suo studio notarile Roma per ulteriori informazioni.

Per passare dalla comunione alla separazione dei beni bisogna per prima cosa che ci sia il consenso di entrambi i coniugi.

Poi bisogna recarsi da un notaio il quale prepara un atto notarile, alla presenza di due testimoni, dove raccoglie la volontà espressa da marito e moglie di trasformare il proprio regime patrimoniale dalla comunione alla separazione.

Successivamente provvede a far annotare la scelta dei coniugi sull’atto di matrimonio e, se necessario, anche a margine della trascrizione effettuata nei registri immobiliari e dei beni mobili registrati.

La modifica non ha effetti sul passato: marito e moglie possono decidere di mantenere comuni i beni acquistati in precedenza oppure procedere alla divisione di tutti gli acquisti fatti prima della separazione del matrimonio.

 

 

News Giuridiche

10/08/2018

ADS vs beneficiario: chi decide sulle cure mediche?

Amministrazione di sostegno...