Menu
Benvenuti nel nostro studio notarile ad Olbia

Atti ipotecari

Se si ha necessità di una stipula di un atto ipotecario, lo studio notarile Alice Pinna di Olbia può aiutarvi. Tra i servizi offerti dal notaio rientrano infatti quello di accertamento, adeguatezza e garanzia ipotecaria a Olbia, Cagliari, Tempio, Nuoro. 

Gli atti ipotecari sono per natura complessi e lo studio notarile ha il dovere di offrire una consulenza per spiegare a ogni cliente in cosa consista la pratica, aiutarlo a scegliere la soluzione ideale e supportarlo in maniera semplice e trasparente in tutti gli aspetti burocratici che un mutuo e il conseguente atto ipotecario comportano.

Il bisogno di un atto ipotecario, e di un notaio che lo rediga, subentra nel momento in cui si fa richiesta di un mutuo. Un mutuo è, per definizione, un contratto tra due soggetti: un richiedente (il mutuatario) e un esercente (il mutuante).
Il mutuante si personifica nella maggior parte dei casi nella figura di un banca che, dopo un iter articolato, trasferisce la somma di denaro concessa al mutuatario che dovrà restituirla secondo le tempistiche, i modi e gli interessi stabiliti nel contratto.

Questa definizione di mutuo riassume in maniera schematica e semplificata la sua struttura. Tuttavia occorre fin da subito precisare che il contratto di mutuo si compone di un numero assai considerevole di clausole e sotto voci  che regolano ogni singolo aspetto del rapporto tra le parti:

  • modalità di erogazione del mutuo
  • determinazione dei termini di rimborso del capitale
  • determinazione dei termini di pagamento degli interessi
  • fissazione dei costi per gli oneri di amministrazione del contratto di mutuo
  • disciplina e costi di estinzione anticipata
  • prestazione e manutenzione delle garanzie
  • determinazione delle clausole relative ai ritardi (conseguenze degli inadempimenti relativi) e ai mancati pagamenti  (assoluti). 

Stipula atti ipotecari

Ma la complessità di un mutuo e la conseguente necessità di uno studio notarile come quello di Olbia non termina qui.
Tutti gli aspetti disciplinati nel contratto tra la banca e il richiedente il prestito possono presentare a loro volta una quantità considerevole di sfumature e possibilità. Contemplato addirittura nel diritto romano classico, il mutuo deve la sua complessità sia a prassi e regole moderne (novità provenienti dalla disciplina dell'UE), sia ad una meditazione dottrinale appunto millenaria.

Un esperto in materia di mutui e atti notarili può, nonostante la complessa composizione di ingegneria giuridica che sta alla base di ogni singolo contratto di mutuo, fornire una valutazione in termini di migliore/ peggiore), in riferimento alla qualità e convenienza.
Importante sottolineare come il contratto di mutuo venga predisposto dalla banca presso la quale si fa richiesta. Il mutuatario ovvero il richiedente può incaricare un notaio (nel rispetto di determinate tempistiche) che si occupi di controllare e verificare il contratto in ogni sua parte al fine di renderli più chiari e comprensibili al cliente. Il notaio può individuare e suggerire soluzioni meglio adatte alle esigenze del contraente eliminando, al contempo, quelle clausole che ingenerano un cosiddetto “squilibrio contrattuale non giustificato”.

Il mutuo può essere stipulato, abbastanza di frequente, secondo una disciplina speciale, quella del "credito fondiario" che ben poco si distingue da quella di un mutuo ipotecario "ordinario". Non costituisce, invece, una specie particolare, il mutuo unilaterale la cui differenza riguarda la possibilità che a recarsi dal notaio sia solo il mutuatario

Richiedere la consulenza di uno studio notarile come quello del notaio Alice Pinna vi farà affrontare tutte le pratiche con maggiore serenità e chiarezza.
Con l'assistenza del notaio si potrà ad esempio contemperare all’esigenza del cliente che necessità di un finanziamento "ponte" (o "pre-finanziamento") nell’attesa di ricevere la materiale disponibilità del denaro. Accade spesso che nonostante la stipulazione del mutuo, le banche trattengano la somma fino al momento dell’effettiva acquisizione della garanzia ipotecaria (ovvero della stipula dell’atto ipotecario) che, a seconda dei modelli, necessita di circa 15 giorni dopo la stipula.

Un’ulteriore avvertenza che concerne un’altra eventuale casistica nella quale la professionalità di un notaio può aiutare il cliente, o meglio, il mutuatario, a capire le alternative e i relativi costi, è quella del ricorso all'accollo. Questo si presenta nel momento in cui il mutuatario voglia rivendere un immobile acquistato e concesso in ipoteca a causa di differente esigenze come un trasferimento per lavoro o la necessità di acquistare una casa più grande per un aumento dei componenti della famiglia. Nel rivenderla fa conto di poter accollare al nuovo acquirente la parte del mutuo che gli resta da pagare.

L’accollo del residuo mutuo non sempre è una soluzione vantaggiosa per il mutuatario. Una delle conseguenze vede la banca avanzare pretese nei confronti dell'originario mutuatario se il nuovo acquirente dovesse avere degli assoluti (dovesse cioè smettere di pagare).

Un notaio potrebbe consigliarvi una soluzione differente e più sicura ad esempio quella di estinguere il mutuo e lasciare che il nuovo acquirente stipuli un suo nuovo contratto di mutuo con la banca.

Ricordate che il lavoro e i servizi svolti dal notaio non riguardano, in riferimento al campo immobiliare, solo la stipula di atti ipotecari, ma soprattutto la preziosità di una consulenza professionale che nel caso di un mutuo non è mai abbastanza. Richiedi un preventivo